24 February 2016

Challenge Accepted, Pecora Nera!

Why the Black Sheep?
I'll tell you!

So, this is the story. There I was a few days ago having a mosey around some of my favourite blogger's goings-on, and I discover that The Englishman in Italy, or Pecora Nera ("black sheep" to his friends) had been having a spot of beaurocratic bother. "Well, nothing to write home about there", I thought, "we are in Italy after all". But his particular bother this time had to do with obtaining Italian Citizenship. I kindly left him a comment offering to find out all I could on the subject from the "Girls" at my bookclub that evening. 
Well, the news from the "Girls" was so overwhelmingly positive, (in that both he and I are entitled to dual citizenship with all the attendant benefits) that I hot-footed it back over to his blog to fill him in; and I casually suggested we apply for citizenship together to see which county (regione), Piemonte which is where he is, or Veneto where I live, is first to issue us with citizenship.
Blimey! I tell you, that man is recklessly speedy on the uptake, and I find I have been officially challenged to The Italian Citizenship Race ... I only realised what had happened when some of his readers popped over to my blog to introduce themselves as fans of the opposition!!!

Of course I gathered up the gauntlet!

My 16 year old son Umberto said, "Don't worry Mum, the best man will win and I think that's you!!!"
Actually he's autistic so he didn't say that at all. What really happened was, I burst into the kitchen and barked - "Umbi, draw a lovely picture of Mum eating mutton hamburgers. Oh, and put a scared looking black sheep in the picture too!!!"

Of course once I'd heard I was at loggerheads with Pecora Nera, I'd hoofed it over there to suss out the opposition. WOW. That is one well-loved Black Sheep! No sooner had he published news of a Race, than his numerous Fans had turned out in force to cheer him on!

(On the wall in the background you can see the progress of Umbi's Countdown to Steam calendar)

Never mind Sal, I cheered myself. PN hasn't the promotional/artistic benefits of Umbi behind him!!! 
 "Umberto, do your worst!"

Careful PN! You see me here? Serenely confident of success; flaming "red" locks flowing; replete with silver earrings and a couple of raw mutton hamburgers, poised on my shoulders to sate my hunger (whenever I should opt to renounce my vegetarianism)

Be scared PN ... be very scared!!!

This blog is pro-autism.
Thank you, Sally xx

I feel it's time to separate my posts published in English and Italian. So I'll keep sarsaparillasal for posts in English, and I'll create a blog "twin" where I'll publish duplicate posts in Italian. 
Ho deciso di creare un Blog "gemello" dove si può trovare tutti gli stessi post, ma pubblicati in Italiano.

21 February 2016

An Outing to the Snow

It's THAT time of year again for Umberto's swimming team, and yesterday was their annual trip to have fun in the snow, together with "athletes" from other areas around Verona. Two coaches brought us up to Conca dei Parpari in the National Park of Lessinia, just north of Verona. A programme of various activities  had been arranged for the day in order to cater for all abilities. 
As the coach climbed up through mountain pastures which were completely bare of snow, I kept my fingers crossed that the recent rain would have at least dusted the top with some snow. This winter has been very cold but very dry too, and that's never good news for the winter sports resorts.  

But we were in luck, and Umberto was so overjoyed he went wading off into a snow drift as soon as he jumped off the coach. We had to haul him out and my first job there was "unfilling" his boots with snow.

This is the view of Monte Baldo from my window this morning. At this time of year the snow line would normally be much lower.

The higher peak in the distance behind Monte Baldo is more thickly covered and marks the beginning of the Dolomites mountain range.

Umberto began with sledging

And when he was throroughly wet from veering off piste and into fresh snow, he gave up his sledge and let some of his friends have a turn

This lovely little lady is in Umbi's swimming group and was at the Christmas party he hosted for his friends from the team. She chatted enthusiastically to me on the coach journey, telling me that spinach is her favourite food and that only that morning she had gained 2kg; a fact which would have had me reaching for a large, comforting gin and tonic and a Mars bar. But not her!!! Her happiness is infectious.

After the effort of whizzing down the mountain and running back up for more, Umberto had a relaxing sit down to catch his breath .... 

... and was soon joined by a deaf and dumb boy who instigated a bit of "mountaineering".

Umberto had never met his new friend before (I never did learn his name) but their connection didn't require conventional introductions - or any words at all! 

Next it was Umbi's turn to be pulled on a sledge by this saint of an Alaskan Malamute

It was only later when I looked at these pictures that it was clear to me that the dog's owner must have taken one look at my large and very solid son, and had kindly decided her dog could do with a hand in pulling this particular load.

And lastly Umberto tried cross-country skiing.

There are some excellent ski resorts very close to Verona, and Umberto's older brother and sister could already ski before they started school. But I just couldn't ever trust Umberto to ski safely, so he never learnt downhill skiing.

His Instructor Angela was kind, patient, and pretty - always a winning combination

Although it unnerved him when he almost lost his balance ... 

... he seemed to be a "natural".

For the Nth time Umberto proved that his abilities should NEVER be underestimated. So often Umbi doesn't have the opportunity to try some mental or physical activity because it is deemed inappropriate in advance. It's a mistake we all make; his educators and his family - myself included.  

I'm ashamed to say I had regretted having signed Umbi up for this outing. I'd really wanted some time to be completely alone, and Umberto's Dad had offered to have Umbi for this weekend - so the trip to the mountains "ate" half of my precious time off. 
The photo above is my very first selfie. And the happiness you see in that "selfish" Mother's smile is genuine. How silly I would have been to miss out on this lovely day.

And genuine too, is Umberto's sense of triumph at having tried and enjoyed a new sport.

Thank you gorgeous boy, for your wonderful company!

This blog is Pro-Autism.
Thank you, Sallyxx

17 February 2016

Gli Gnocchi al Teatro

Il 15/2/16 questo post è stato pubblicato in Inglese

Ogni anno ho il piacere di ospitare  a casa mia  un evento dell'associazione culturale  BALDOfestival , e così annualmente la mia casa viene trasformata in un teatro - e anche in una cucina con scintille "michelin". E' fantastico! Basta che risponda con un "Sì!", quando mi chiedono se mi va l'idea di ospitare una serata del loro programma Teatro in Casa, e l'associazione arriva e si occupa di TUTTO il resto. Quest'anno è la quinta volta che vengono; ed è sempre bellissimo trovare la casa piena e vibrante di una compagnia così interessante.
La serata inizia con uno spettacolo teatrale. Domenica c'erano due attori e insegnanti di teatro professionali,  Sabrina Modenini and Andrea De Manincor,  a recitare   "Il Giallo dell'Amore". (beh, almeno la parola " ... Amore", era in tema con la notte di San Valentino!).
Mentre il pubblico (più o meno in 50 persone questa volta) si godeva il teatro nel salone sù al primo piano ....

... giù al piano terra la squadra di volontari sempre presenti ad aiutare il Baldofestival nei preparativi aveva preso possesso della cucina. Stavano preparando la cena che veniva offerta dopo il teatro, e sul menu quella sera c'erano gli gnocchi di patate. Qui, va bisogna precisare; NON parlo di gnocchi che si comprano al supermercato o dal negozio di pasta fresca. NO NO! Questi Signori stavano facendo gli gnocchi a mano. Gnocchi sufficienti per 60 persone!!!

Vassoi di gnocchi  in attesa di cottura  occupavano ogni superficie in cucina. C'erano anche dei vassoi nel camino! Umberto era felice di trovare un piccolo angolo libero dove sedersi con il suo iPad. Oramai, lui aveva già "dato" ai preparativi come sbucciatore di carote e tagliatore di pinzimonio. 

I pubblico comincia ad arrivare ...

E a prendere posto ...

E, mentre lo spettacolo veniva recitato.

Questa straordinaria squadra di gente lavorava insieme come una macchina di grande precisione, per trasformare 30kg di patate e 10kg di farina in gnocchi squisiti

Ancora quest'anno è stata una serata bellissima. Mi sento molto fortunata ad avere il BALDOfestival che propone eventi di arte e cultura nella nostra zona piuttosto rurale.

Per la maggior parte della serata Umberto ha sopportato bene l'invasione dei "suo spazi", ma quando la presenza di tutta questa gente diventava troppo caotica, lui era felice di ritirarsi nella prevedibile "tranquillità" dei suoi cartoni preferiti. 

Questo Blog è pro-autismo
Grazie, Sally

16 February 2016

Brontolando sulle Gaie Insegne Imperiali

Il 4/2/16 questo post é stato pubblicato in inglese

Ci vuole poco a capire che c'è nulla di coerente in questo Blog, ma questa (apparente) pazzia riflette bene il normale funzionamento del mio cervello. Mi considero una "Distratta con Obbiettivo". Uno studioso inglese dell'oroscopo dice riguardo agli Acquari che "c'è metodo nelle loro follie", e spesso ho trovato che questo fosse vero riguardo alle mie scelte di vita. Così si spiega il perché voglio tornare di nuovo ai tempi del glicine 2015, quando sono state scattate pure queste foto. Questo abito era il 4° che ho cucito durante il mio periodo da autodidatta per imparare a cucire i tessuti stretch. 

Ho usato la carta modella Vogue V8615 (adesso fuori stampa ma ancora disponibile) perché ha tante recensioni positive, e poi ho deciso di seguire una raccomandazione fatta da tanti di usare una stoffa stretch, e omettere la cerniera.

Il modello non mi convinceva del tutto - ma aveva della belle tasche!!! Ma come tutte le cose che stavo cucendo l'anno scorso, dopo una sosta di 20 anni, lo stavo facendo più per quello che potevo imparare dall'esercizio che per l'articolo finito. Ho preso della stoffa Ponte a €3 al metro, e ho tagliato la taglia 14. La grandezze della fantasia dettava la lunghezza della gonna, che cade tra version A e B, e ho fatto le maniche a 3/4. 

Il Ponte non mi ha mai entusiasmato - mi faceva venire in mente il Crimplene che mi ha inorridito 40 anni fa, ma man mano che lo cucivo sentivo che i miei pregiudizi si dileguavano. Provavo una certa gratitudine nei confronti di questa stoffa così duttile, stoffa che possiede i vantaggi di una maglia ma anche quelli di un tessuto. Forse si chiama "Ponte" proprio perché fa da ponte tra i pregi di tessuto e maglia. Mentre stavo cucendo mi invadeva un senso di gratitudine per la sua funzionalità. Nonostante ciò, non sono stata capace di "amare" il Ponte e, anche se il progetto non era ancora finito, mi stavo annoiando. Avevo raggiunto l'obbiettivo di imparare a cucire lo stretch. Ma questo vestito non mi piaceva. Non ho avuto la cura di correggere la taglia in anticipo tramite un "toile", e non ho inserito un sotto-fodera. Ho avuto dei dubbi sul modello fin dall'inizio, ma l'ho fatto come esercizio. Comunque sono cresciuta con lo slogan inglese della seconda guerra mondiale "Make do and Mend" ("Arrangiati e Rammendare"), spesso ripetuto dai miei nonni; e visto anche che per me lo spreco è un danno, ho finito il mio vestito. Benché sia tanto imperfetto, sono piuttosto felice di averlo realizzato.

Invece di fare l'orlo girato in modo normale che l'avrebbe reso troppo grosso, l'ho finito con un nastro sbieco che ho realizzato da una stoffa che avevo (di un colore che riprendeva i dettagli della fantasia). Il corpo dell'abito mi sta male - é troppo largo alle spalle, e ho attaccato la maniche in modo orribile! ...

Ma con una cintura vintage in (pre VVV) vita, e  un collare di volpe verde, l'ho indossato alla festa di compleanno di Marco, uno degli stupendi ragazzi proprietari della B&B Casapiù a Porcino. "Oh guarda, è arrivata la Tsarina" hanno esclamato al mio arrivo, e da quel momento il mio orribile vestito ha ricevuto soltanto dei complimenti. Grazie Ragazzi - é impossibile non amarvi!!!

La "Tsarina" non è per nulla divertita

Aspetta un attimo ... Sì che si diverte!!!

Se lo faccio in futuro farò così: userò un tessuto non-stretch e metterò una cerniera. Farò un "toile" per personalizzare il modello e farmelo stare meglio. Lo cucirò insieme ad un sotto-fodera. Cambierò il giro collo - lo alzerò davanti e abbasserò la V di dietro. Metto un "waist stay" (cintura interna) per definire meglio la vita e reggere meglio il peso della gonna.

Data la larghezza del giro collo su di me ho dovuto trovare un reggiseno senza spalline, e ho trovato il Wonderbra Ultimate. Mi dicono che con quello addosso posso ballare tutta la notte e tutta la mattina senza mai doverlo tirare sù. Allora, l'ho indossato e ho ballato e girato ...


... e girato e ballato!!

Poi, per qualche motivo, mi sono fermata nella 4a posizione, e ho guardato verso il cielo

Questa foto mi fa morire. Avevo letto su un altro blog che le foto scattate dal basso attribuiscono un'impressione di altezza al soggetto. Così ho chiesto a mia figlia Cami, che quel giorno faceva da Fotografa poco Vogliosa, di seguire questo consiglio. Più che vedermi tanto alta, qui si vede benissimo lo straordinario effetto anti-gravità che esercita il mio Wonderbra - è una vera "Meraviglia di Reggiseno". E qui, vi rivelo il suo segreto.... 

Gli ingeneri che l'hanno ideato hanno incorporato due mani di un Lanciatore del Peso fantasmagorico, che non si stanca MAI!!! Veramente una Meraviglia, vero?

Qui vorrei dire due parole  in difesa del mio Wonderbra. La piccola protuberanza che si vede sul mio petto è dovuta alla mia fretta nel finire il vestito. In nessun modo deve essere preso come segno di un capezzolo. No NO! Scommetto che non esista capezzolo sulla terra ( per quanto palestrato, o per quanto importante il suo complesso "Guardami Guardami") capace di farsi strada nella costruzione impenetrabile del Wonderbra.
Devo spiegare il titolo di questo post che è già stato pubblicato in inglese il 4/2/16. Allora, ho chiesto se qualcuno poteva aiutarmi a risolvere una perplessità. Chi è stato a decidere che "Gay" debba significare omosessuale? "Gay" aveva già degli usi importanti  e utili come nome femminile e come aggettivo. Non era ancora una di quelle parole obsolete e fuori uso. Mi chiedevo perché fosse necessario impoverire la lingua inglese in questo modo. Perché invece non inventare una parola nuova e, così facendo, arricchirla? E qui ho proposto "Beautive" - una parola inventata DA ME!!! (se la cerchi su Google non la trovi ... perché l'ho appena inventata! :D ).  "Beautive" e un ibrido delle parole Beautiful e Creative, e da adesso in poi  userò questa espressione per riferirmi ai miei amici beautive, non gay. Oramai, l'italiano non ha perso Gaia come nome, e gaia/o come aggettivo! 

E, infine, volevo parlarvi del mio collare di volpe verde. L'ho trovato per €8 in un mercatino dell'usato. Ho tolto la fodera marrone e l'ho lavato più volte nella vasca, nella speranza che questo gli permettesse di prendere meglio la tinta verde.

Non è diventato verde in misura che volevo, ma lo preferisco al marrone originale. Ho rifatto una fodera con un pezzo di shantung di seta, e ho aggiunto una striscia  ad una delle estremità in modo che posso passare l'altra estremità e indossarlo come sciarpa se voglio; e ti assicuro che, in inverno, metto molto spesso questa mia sciarpa. 

Caspita! Meglio non fare aspettare lo Tsar più del necessario! Ancora un caffè veloce, e poi scappo!

Questo Blog é pro-autismo
Grazie, Sally